Testi2020

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

"VORREI BACIARTI"

Musica italiana nel primo ‘600

 

 

Claudio Monteverdi (1567-1643) Vorrei baciarti o Filli (VII Libro dei Madrigali)

Ohimé ch'io cado (Scherzi Musicali)


Barbara Strozzi (1619-1677) Canto di bella bocca (op.1)
Che si può fare (op.7)

Tarquinio Merula (1595-1665) Canzon "La Marca" (I libro delle Canzoni)


Giovanni F. Sances (1600-1679) Lagrimosa beltà (Ciaccona)


Luigi Rossi (1597-1653) dall'opera "Orfeo"

Che fai meco

Passacaglia

Mio Ben

Duetto Orfeo e Euridice ("M'ami tu?...")


Tarquinio Merula                   Cangia donna pensier (Aria di Ciaccona)



TESTI





Vorrei baciarti, O Filli,

Ma non so come ove 'I mio bacio scocchi,

Ne la bocca o negl'occhi.

Cedan le labra a voi, lumi divini,

Fidi specchi del core,

Vive stelle d'Amore!

Ah, pur mi volgo a voi, perle e rubini,

Tesoro di bellezza,

Fontana di dolcezza,

Bocca, onor del bel viso:

Nasce il pianto da lor, tu m'apri il riso! (G.B.Marino)

I would kiss you, Philly,

but know not where to place my kiss first,

upon your lips or upon your eyes.

Let lips yield to you, heavenly orbs,

faithful mirrors of the heart,

love's living stars.

Ah, yet I turn to you, pearls and rubies,

beauty's treasure,

fountain of sweetness,

lips, the glory of a lovely face:

from eyes tears are born, lips confer me a smile.



Ohimè ch'io cado, ohimè

ch'inciampo ancor il piè pur come pria,

E la sfiorita mia caduta speme

Pur di novo rigar

Con fresco lagrimar hor mi conviene.

Lasso, del vecchio ardor

Conosco l'orme ancor dentro nel petto;

Ch'ha rotto il vago aspetto e i guardi amati

Lo smalto adamantin

Ond'armaro il meschin pensier gelati.

Folle, credev'io pur

D'aver schermo sicur da un nudo arciero;

E pur io sí guerriero hor son codardo

Ne vaglio sostener

Il colpo lusinghier d'un solo sguardo.

O Campion immortal

Sdegno; come sí fral hor fuggi indietro;

A sott'armi di vetro incanto errante

M'hai condotto infedel

Contro spada crudel d'aspro diamante.

O come sa punir

Tirann'amor l'ardir d'alma rubella!

Una dolce favella, un seren volto,

Un vezzoso mirar,

Sogliono rilegar un cor disciolto.

Occhi belli, ah se fu

Sempre bella virtù giusta pietate!

Deh voi non mi negate il guardo e'l riso

Che mi sa la prigion

Per sí bella cagion il Paradiso.

(C. Milanuzzi)

Alas for me, I tumble down, alas for me,

my foot slips again just as it did before.

and my lost and withering hope

must Ionce again water

with fresh tears.

Of this old passion I again feel in my heart,

now that a beautiful face has broken,

as well as the loved glances

the hard enamel of these icy thoughts

with which I, the unfortunate have armed myself.

I was fool enough to think

I should have a sure shield against the naked archer.

and yet I who am so warrior-like, what a coward I am

I will not endure

the enticing blow of a single glance.

O immortal champion

I am angry how so weak

You are fleeing; like an enchanted man who has lost

his wayin glass armour, you have led me

disloyal one against a sword made of hard diamond.

How powerfully punishes

tyrannous love the daring of a rebellious soul,

a kind word, a serene face,

a charming wonderment

can tie again a liberated heart.

Eyes, beauteous eyes if for you

virtue has always been fair, and mercy true!

Oh, do not deny me the glance and the laughter;

so that my prison

on such a beautiful ground should become a paradise.

 


Canto di bella bocca

Che dolce udire una leggiadra bocca

tutta lieta cantar versi d'amore!

Vaga, vezzosa voce?con passaggio veloce

t'alletta, ti circonda, anzi ti tocca

e dentro va quasi a baciarti il core,

mentre musico labbro?spiega d'amore i pregi.

Altro non dice quel canoro felice

che le gioie che senti;

altro non dice che i diletti che provi;

altro non dice che i tuoi piaceri nuovi,

i tuoi vecchi contenti.

Dillo, o mio core,

che dolce udire una leggiadra bocca

tutta lieta cantar versi d'amore!

Quell'aura armonizzata

da una gorga canora

ti ravviva e ristora,

ti fa l'alma beata.

Folle sei se non godi e non cominci,

qua giù ristretto in un caduco velo,

Tirsi, a gustar le melodie del Cielo. (Giulio Strozzi)

Song of a beautiful mouth

How sweet to listen to a delightful mouth

joyously singing verses of love.

Lovely, charming voice,?with rapid scales,

allures you, surrounds you, also touches you

and sinks within almost to kiss your heart,

while the musical lip?describes the rewards of love.

Nothing is expressed by that happy singer

other than the joys that you feel,

the delights you experience,

other than your new pleasures,

your old contents.

Tell it, o my heart;

how sweet to listen to a delightful mouth

joyously singing verses of love.

That air, harmonized

by a singing throat

renews you and restores you,

makes your soul blessed.

You are foolish if you do not enjoy, do not begin,?hampered here below in a mortal veil,?Tirsis,

to taste the melodies of Heaven. (transl. Pamela Dellal)


Che si può fare?
Le stelle rubelle
Non hanno pietà.
Che s'el cielo non dà
Un influsso di pace al mio penare,
Che si può fare?
Che si può dire?
Da gl'astri disastri
Mi piovano ogn'hor;
Che le perfido amor
Un respiro diniega al mio martire,
Che si può dire?

What can you do?
The stars, intractable,
have no pity.
Since the gods don't give
a measure of peace in my suffering,
what can I do?
What can you say?
From the heavens disasters
keep raining down on me;
Since that treacherous Cupid
denies respite to my torture,
what can I say?


Lacrimosa beltà,

Per cui già notte e dì

Cotanto sospirai,

Come sei tu divenuta così?

Il barbaro chi fu

Qual cor pien d'empietà

Potuto ha incrudelir contro di te?

Misera, ben lo so,

Né puoi negarlo, a fè:

Il tempo fu, l'età

Che tanto val e può.

Illanguidito ha il sen,

Ha scolorito l'or del tuo bel crin.

Mirate, donne, il fin;

Mirate che vien men

Ogni cosa mortal.

Col tempo arte non val:

Questo è colpo comun,

Schermir no 'l puote alcun;

La pioggia vien talor dopo il seren,

E dopo il lampo il tuon.

Ahi, che l'esser crudel,

Nemica di pietade e di perdon,

È di turca infedel

Dispietato rigor.

 

Tutto pietoso e umil

Rendete il petto, il cor.

A spettacol simil

Imparate a lasciar quel fast'altier;

Radolcite i pensier.

Qui il bel non splende più

Né si può dir qui fu;

Dunque, chi brama aver lunga beltà

Usi, usi pietà.

Tearful beauty,?f

or whom once night and day

I sighed so much,

What has brought you to this?

Who was the barbarian?

whose heart full of cruelty

could harden itself against you?

Unhappy one, well I know

(nor can you deny it, in truth)

that time and age

can and will do so much.

Your bosom has sagged,

the gold of your beautiful hair has faded.

See, ladies, the end;

see how all mortal things

come to an end.

Art cannot contend with time:

its impact affects everyone,

and no-one can defend themselves against it;

rain sometimes follows clear skies,

and thunder follows lightning.

Ah! for being cruel,

The enemy of pity and forgiveness,

is the pitiless severity

of an infidel woman.

 

So turn your breast and heart

to pity and humility.

Learn from such a spectacle

to leave those haughty displays;

soften your thoughts.

Here beauty no longer shines,

nor can one tell that it once existed here;

so, then, she who would enjoy lasting beauty

should exercise compassion.


Che fai meco

Et à questo è pur forza

Che, dal mio sen partita

Ogni speranza, in me parta la vita.

Ah, ben cantar poss'io:

Che fai meco, che fai

Vita, se pur sei tale,

Mentre ch'in duol mortale

Per te sol vivo à i guai?

Fuggi, fuggi da un cor sì sventurato!

O, me beato

S'impetrar ciò mi lice,

Quanto è dolce il morir à un infelice.

Che fai meco

And to this it is indeed necessary that,

from my heart departed,

every hopes in my life leaves.

Ah, well may I sing:

What are you going to do with me, what...

life, if indeed such you are

while in mortal grief

for you I live only in torment?

Flee, flee from a heart so unfortunate!

Oh, blessed would I be, if to gain it

I am allowed; how sweet is death

to a wretched man.





Mio ben, teco il tormento

più dolce io troverei,

Che con altri il contento,

Ogni dolcezza è sol dove tu sei.

E per me, amor aduna,

Nel girar de' tuoi sguardi ogni fortuna.

My beloved,

I would find your torment sweeter

than the happiness I would find with another,

sweetness lies only where you are.

And for me, love gathers

every fortune in the flash of your glances.


Duetto Orfeo e Euridice

Euridice M'ami tu?

Orfeo Si, mio ben, si

Euridice quanto, dì?

Orfeo quanto mai so. E tu no?

Euridice Di te vieppiù

Orfeo O, più no, più non si può.

A due

Se così dunque Amor fa che io sia

dell'alma mia.

Chi divider ne vorrà?

O felice il mio cor! O beato il mio ardor!

E che posson le sfere contro del nostro seno

se egli è di gioia ripieno di infinito piacere?

Versin pur del tormento, che gli è tutto contento!

Versin pur delle noie, che gli è colmo di gioie!

Ah no, ch'egli in se

più mai di guai capace non è.

Amor, e quando in te, per tua somma bontà,

maggior sorte e ti diè, maggior felicità?

(Francesco Buti)

Duet: Orfeo e Euridice

Euridice: Do you love me?

Orfeo: Yes, my dear, yes!

Euridice: How much? Tell me.

Orfeo: As much as ever I can. And you, no?

Euridice: Than you, even more.

Orfeo: Oh, not more, more it cannot be.

Both:

If thus then Love would have me

be the soul of my soul.

Who would divide us?

Oh happy my heart! Oh blessed my passion!

And what can the spheres do against our heart

if it with joy is full of infinite pleasure?

Let them pour down torments, it is all

contentment!

Let them pour down troubles, it is overflowing with joy! Ah no, within it

never more for sorrows has it room.

Love, and when to yourself, for your supreme

bounty, has a greater fate given you greater happiness?

 



Cangia donna pensier ogni momento

 

No, no, ch'io non mi fido

Di tue lusinghe e risi,

Di tuoi vezzi e sorrisi,

Del tuo parlar infido.

No, no, ch'io non mi fido.

Cangia donna pensier ogni momento:

Neve al sol, cera al foco, e foglia al vento.

No, no, che più non credo

Ai detti, ai giuramenti,

Ai sospiri, ai lamenti,

Che finti ogn'hor li vedo.

No, no, che più non credo.

Cangia donna pensier ...

Sì, sì, ch'io ti conosco;

Hor sei lupa, hor agnella,

Hor sei lampo, hor sei stella,

Col dolce misci il tosco.

Sì, sì, ch'io ti conosco.

Cangia donna pensier ...

Sì, sì, ch'io t'ho provata,

Mentitrice, bugiarda,

Traditrice, lusingarda,

Sanza fè, sciagurata.

Sì, sì, ch'io t'ho provata.

Cangia donna pensier ...

 

 

No, no, I do not trust

Your deceitful words nor your laughter,

Your blandishments nor your smiles,

Nor your treacherous speech.

No, no, I do not trust.

Woman changes her mind every moment:

Snow in the sun, wax in the fire, leaf in the wind.

No, no, I no longer believe

In your phrases, in your vows,

In your sighs, in your laments,

Which I see as ever feigned.

No, no, I no longer believe.

Woman changes her mind ...

Yes, yes, I know you,

Now you are a she-wolf, now a lamb,

Now you are a lightning flash, now a star;

You mix poison with sweetness.

Yes, yes, I know you.

Woman changes her mind ...

Yes, yes, I have found you out,

A liar, untrustworthy,

Traitress, deceiver,

Faithless, wicked.

Yes, yes, I have found you out.

Woman changes her mind ...